La Candeggina Uccide La Muffa? 3 Alternative Alla Candeggina

La Candeggina Uccide La Muffa?

La muffa può guardare ovunque, purché ci sia umidità. Può crescere su pareti, pavimenti, tappeti, elettrodomestici o mobili. Molto probabilmente troverai la muffa in cucine, bagni, lavanderie e scantinati.

La chiave per controllare la muffa è eliminare l’acqua e l’umidità residue. Se hai già la muffa in casa, devi eliminarla e correggere il problema dell’umidità. In questo modo non torna.

Bleach è commercializzato come uno dei migliori rimedi contro la muffa. Tuttavia, questo potrebbe non essere il migliore per tutte le superfici. Pertanto, osserva prima la superficie e valuta se è porosa o meno. Quando lo è, non dovresti usare la candeggina.

Perché La Candeggina Non Uccide La Muffa Sui Materiali Porosi?

Bleach ha successo in alcuni casi, ma non per quanto riguarda le superfici porose. Non solo la candeggina non uccide la muffa su una superficie porosa, ma potrebbe anche peggiorare le cose.

Le regioni porose hanno piccole aperture (pori) dove si sviluppa la muffa. La componente acquosa della candeggina permeerà questi pori e potrebbe favorire lo sviluppo di muffe.

A prima vista, ti sembrerebbe di aver ucciso la muffa, ma al contrario, essenzialmente la stai alimentando. Il modo corretto per uccidere la muffa in materiali porosi come legno e cartongesso è usare aceto bianco distillato e perossido di idrogeno.

È meglio candeggina o aceto per uccidere la muffa?

Sia l’aceto che la candeggina possono uccidere la muffa. Tuttavia, quando dovessimo rispondere quale è meglio, diremmo aceto. Infatti, l’aceto può distruggere il fungo sia sulle superfici che sulle superfici porose e farà terminare la muffa alla radice.

È importante tenere presente che la candeggina può uccidere la muffa solo su superfici asciutte. Se hai dei dubbi sul tipo di superficie con cui hai a che fare, ti consigliamo di optare per l’aceto.

Inoltre, se stai cercando un modo non tossico per eliminare la muffa, considera l’uso dell’aceto perché è acido. Quando viene mescolato con il bicarbonato di sodio, può essere abbastanza potente.

Se Usi La Candeggina Per Uccidere La Muffa?

Potresti essere sorpreso di scoprire che molti dei tuoi prodotti per la pulizia della casa contengono un certo livello di candeggina. Gli smacchiatori, i detergenti per il bagno e persino gli smacchiatori per i residui di piastrelle usano la candeggina.

La candeggina è estremamente efficace quando si tratta di uccidere i germi. Purtroppo, sono problemi di salute negativi, in particolare se usati con noncuranza.

Se hai una malattia respiratoria, potresti soffrire se esposto ai fumi della candeggina. Alcune persone hanno riferito di avere le vertigini, con attacchi di tosse e anche una puntura dolorosa al naso e agli occhi quando usano la candeggina.

La candeggina è dannosa di per sé, ma se combinata con altri composti di altri prodotti per la pulizia, può rivelarsi ancora più pericolosa.

Mescolare con cautela

Non dovresti mai combinare la candeggina con l’ammoniaca poiché può produrre fumi tossici. Evita di mescolare la candeggina con prodotti come detergenti per scarichi, detergenti per vetri e detersivi per lavastoviglie.

La candeggina è anche molto dannosa per i tuoi animali domestici. Può aggrapparsi alle zampe e alla pelliccia dei tuoi animali domestici. Purtroppo, quando si leccano, ingeriscono la sostanza chimica dannosa.

Pertanto, se hai un uccello o un piccolo animale domestico, è meglio non usare la candeggina. Anche la più piccola inalazione di fumi di candeggina può farli ammalare gravemente.

C’è Un Altro Modo Per Uccidere La Muffa?

Potresti volere altri modi non tossici per uccidere la muffa senza mettere in pericolo la tua salute e la salute dei tuoi cari. Ecco alcuni dei metodi biologici che raccomandiamo.

Tentativo Aceto

Come accennato, l’aceto è uno dei metodi più efficaci, naturali e non tossici per uccidere la muffa.

In un flacone spray pulito e asciutto, versare un po’ di aceto distillato. Spruzzare sulla zona ammuffita e lasciare che l’aceto faccia la sua magia per un’ora. Procedi a pulire l’area con acqua e lascia che l’area si asciughi.

Perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno ha proprietà che uccidono batteri, virus e funghi.

Versare il perossido di idrogeno (concentrazione al 3%) in un flacone spray. Spruzzare abbondantemente sulla zona della muffa e lasciare agire per 10 minuti. Quindi procedere alla pulizia della regione utilizzando un pennello pulito e strofinare.

Bicarbonato di sodio

Conosciuto anche come bicarbonato di sodio, il bicarbonato di sodio può essere usato per uccidere la muffa. È un’opzione sicura e naturale.

Prendi un flacone spray pieno d’acqua e aggiungi un quarto di cucchiaio di bicarbonato di sodio. Agitare la bottiglia finché il bicarbonato di sodio non si dissolve completamente. Spruzzare la superficie ammuffita.

Procedere a lavare l’area utilizzando una spazzola e strofinare. Spruzzare di nuovo la regione e lasciarla asciugare per evitare che la muffa ritorni.

Tipi Di Candeggina Per Resistere Alla Muffa

Sia la candeggina al cloro che la candeggina all’ossigeno possono uccidere la muffa, ma sono completamente diverse.

La candeggina al cloro utilizza una soluzione di cloro e ipoclorito di sodio, chiamata anche soda caustica.

La maggior parte dei composti domestici che contengono cloro sarà etichettata come candeggina da bucato o candeggina. Come sostanza chimica, il cloro è approvato dall’EPA e dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Viene utilizzato nella sterilizzazione e nella produzione alimentare sicura.

La candeggina al cloro, d’altra parte, è un potente disinfettante utilizzato per impedire la diffusione dei germi. Tuttavia, l’EPA non sostiene di usarlo come rimedio per uccidere la muffa.

La candeggina al cloro è una sostanza chimica altamente velenosa che rilascia sostanze nocive.

Indugia anche nell’acqua e, quando si accumula, diventa dannoso per la vita acquatica.

Nel frattempo, la candeggina all’ossigeno è un disinfettante biodegradabile ed ecologico che ha lo stesso successo della candeggina al cloro. È prodotto dal percarbonato di sodio che si dissolve in acqua e diventa ossigeno, acqua e carbonato di sodio.

È una formula non tossica, incolore e inodore che può essere acquistata sia come polvere che come liquido.

Come Uccidere La Muffa Con La Candeggina

Forse hai deciso quale metodo e quale tipo di candeggina vuoi usare? Ora, stavo per dirti come uccidere efficacemente la muffa.

Innanzitutto, ecco alcune precauzioni che devi prendere in considerazione:

  • Sii sicuro: assicurati di proteggere le tue mani indossando i guanti, in modo che la candeggina non si asciughi sulla pelle. Indossa una maschera, occhiali e vestiti vecchi che non ti dispiacerà macchiare.
  • Apri finestre e porte: la candeggina crea fumi nocivi, ricorda.

Come uccidere la muffa usando la candeggina al cloro

Se hai scelto la candeggina al cloro, segui questi passaggi:

  1. Mescola: unisci una tazza di candeggina in un litro d’acqua. Il rapporto tra candeggina e acqua è di 1 tazza di candeggina per 10 tazze di acqua. Nel caso tu abbia una grande superficie, puoi calcolare l’importo di conseguenza.
  2. Prepara la risposta: versa la miscela in un flacone spray pulito e asciutto.
  3. Lasciare riposare: spruzzare il composto su una superficie ammuffita e lasciare che si rompa. Quanto tempo dipenderà dalla superficie e anche dalla durezza dello stampo, comunque sono indispensabili almeno 30 minuti.
  4. Strofina se necessario: quando la superficie è ruvida o irregolare, puoi strofinare l’area usando una spazzola di setole.
  5. Scrub e asciugare: sciacquare la zona con semplice acqua e lasciarla asciugare all’aria.

Come Uccidere La Muffa Usando La Candeggina All’ossigeno

La maggior parte dei composti di candeggina all’ossigeno viene fornita con un manuale di istruzioni sulla confezione. Avrai la possibilità di rimuovere lo stampo con successo nell’evento che segui questi passaggi e rispetti gli importi indicati:

  1. Allena la tua risposta: inserisci la polvere di candeggina all’ossigeno calda o acqua calda per una dissoluzione molto migliore. I rapporti sono i seguenti: una tazza per 1 tazza per litro d’acqua. Versare la soluzione in uno spruzzatore pulito e asciutto.
  2. Spruzzare e attendere pazientemente: spruzzare la soluzione sulla zona ammuffita lasciandola riposare per 15 minuti.
  3. Risciacquare e asciugare: sciacquare energicamente la regione con acqua, quindi asciugarla.

Puoi anche usare uno spazzolone, un tessuto o una spugna invece di uno spruzzatore e seguire gli stessi passaggi.

Come Ridurre La Muffa In Arrivo

Panico sopra, la muffa è sparita, ma non vuoi una ricorrenza. La muffa si forma ovunque ci siano danni causati dall’acqua, come perdite o allagamenti.

Quando si verificano danni causati dall’acqua, assicurati di ripararli prontamente e di asciugarli completamente dopo averlo riparato. Ecco alcuni consigli che puoi seguire per ridurre al minimo la formazione di muffa:

  • Prevenire l’umidità: mantenere l’umidità il più bassa possibile (dal 30% al 50%) per tutto il giorno. Puoi ottenerlo con un deumidificatore o un condizionatore d’aria.
  • Nessun tappeto nelle aree umide: non posare tappeti o molti tappeti in aree o stanze dove c’è un consumo eccessivo di acqua: bagni, lavanderia, scantinati.
  • Aerare: assicurarsi che ci sia una buona ventilazione in casa. Assicurati che le prese d’aria siano state predisposte in cucina e in bagno.
  • Riparare i flussi d’acqua: se noti flussi d’acqua in pareti, tetti, tubi o persino vasi per piante, prova a ripararli immediatamente o chiama un’impresa di assistenza. Asciugare l’area interessata subito dopo aver risolto il problema.

La Muffa è Sparita!

La muffa è un problema di cui soffrono molte famiglie. È un argomento che disturba molti proprietari di case e può influenzare la salute degli abitanti.

Puoi combattere la muffa con la candeggina se hai a che fare con superfici non porose. L’aceto è ottimo per le superfici d’acqua dolce.

Vuoi optare per ulteriori soluzioni naturali e non tossiche? Puoi usare perossido di idrogeno, aceto e bicarbonato di sodio, che sono anche molto potenti.

Se la muffa è diffusa e acuta e quei rimedi casalinghi non funzionano, fai un altro passo. Chiama uno specialista di rimozione dello stampo che esaminerà lo stampo e troverà il modo migliore per eliminarlo.