Fasi Degli Uragani: Fatti Interessanti Sugli Uragani

Fasi Degli Uragani Fatti Interessanti Sugli Uragani

Non vuoi i posti in prima fila per un uragano.
La sicurezza prima!

Copriamo una grande quantità di terreno in questo articolo informativo (gioco di parole), con un focus sulle fasi degli uragani. Ma prima di entrare nel vivo di questo articolo, prendiamo alcune lezioni dalla storia sulla forza impressionante degli uragani. E a differenza di come la maggior parte degli uomini e delle donne usa la parola stupefacente, quando si parla di uragani il termine viene usato nel vero senso del termine, provocando sentimenti di grande ammirazione, rispetto o paura:

Simulatore Di Uragano

Simulatore Di Uragano

Guarda questo fantastico video / All’interno di un uragano di categoria 5

Il simulatore di tempesta ricrea le condizioni degli uragani di categoria 5

Un Breve Background: Il Potere Degli Uragani

Lasciate che vi racconti una piccola storia sullo sfondo del Giappone feudale. Nel 13 ° secolo, una flotta mongola più potente sotto la guida di Kublai Khan tentò di invadere il Giappone. Questa flotta aveva circa 500-900 navi in totale, che trasportavano quasi 40.000 uomini. All’atterraggio dalla baia di Hakata, gli invasori furono affrontati dai clan dei Samurai, che combattevano per difendere la loro patria. I mongoli furono costretti a ritirarsi. Tuttavia, al centro della ritirata, la loro flotta fu colpita da un potente tifone come non avevano mai visto. Si prevede che quasi 13.000 uomini siano annegati e più di un terzo delle navi sia affondato. Questo è successo nel 1274.

Solo 7 decenni dopo, nel 1281, i mongoli lanciarono una seconda forza di invasione. Questa volta, i giapponesi avevano costruito un muro di 2 metri per proteggersi dalle invasioni. I mongoli si presentarono con quello che gli storici considerano uno dei più grandi tentativi di invasione navale di sempre: oltre 140.000 uomini su 4.400 navi. L’unica invasione navale nella storia recente che supera questa impresa è l’invasione del D-day del 1944 in cui le forze alleate hanno preso d’assalto le spiagge della Normandia. Quindi, i giapponesi devono aver avuto difficoltà a difendersi da una forza così massiccia di invasori navali nel 13 ° secolo, giusto?

The Saffir-Simpson Hurricane Wind Scale (vai alla sezione)

In realtà, quelle mura difensive si dimostrarono estremamente utili perché i mongoli semplicemente non riuscivano a trovare un punto adatto per atterrare. Hanno vagato per i mari per mesi, mangiando le loro scorte di cibo poiché continuavano a cercare un punto di ingresso praticabile. E poi, il disastro si è verificato una seconda volta, mentre esausti e con poche scorte, i mongoli sono stati colpiti da un altro enorme tifone. Furono sequestrati più di 70.000 uomini e i mongoli rinunciarono ad attaccare definitivamente il Giappone.

I giapponesi credevano che questi tifoni fossero Kamikaze o venti divini, inviati dallo stesso imperatore per contrastare le forze d’invasione. I giapponesi avrebbero avuto una possibilità con questo presunto intervento divino? Dopotutto, erano notevolmente in inferiorità numerica con solo 40.000 Samurai insieme ad altri combattenti contro oltre 140.000 mongoli. Il nome Kamikaze sarebbe stato successivamente utilizzato come propaganda nazionalista della seconda guerra mondiale, raffigurante i piloti giapponesi perché un vento divino che avrebbe spazzato via le navi nemiche dai mari.

Si credeva che queste tempeste tropicali fossero atti di Dio dal pomeriggio, e ognuno ha nomi diversi. Sono conosciuti come tifoni del Pacifico nord-occidentale, uragani nell’Atlantico settentrionale e nel Pacifico nord-orientale, cicloni nel Pacifico meridionale e nell’Oceano Indiano. L’espressione scientifica o la classificazione di tutte queste bellissime ma estremamente distruttive forze della natura è il ciclone tropicale o la tempesta tropicale.

Nel seguente articolo, analizzerò le varie fasi degli uragani e spiegherò come si formano. Parlerò anche delle varie misure difensive che puoi adottare per ridurre l’impatto di un uragano, dopotutto in questo momento eravamo nel bel mezzo della stagione degli uragani. Imparerai anche cosa distingue una tempesta di categoria 1 nell’uragano di categoria 5, ad esempio come / perché chiamiamo queste tempeste. Un uragano è essenzialmente un motore della natura autosufficiente che utilizza un’atmosfera calda e umida come combustibile; il suo sviluppo può essere suddiviso in 4 fasi Chief –

  • Disturbo tropicale
  • Depressione tropicale
  • Tempesta tropicale
  • uragano

Ognuna di queste 4 fasi è una successione di eventi che devono allinearsi in sequenza perfetta affinché si formi un uragano. Tutto finisce quando l’uragano è atterrato e la sua fonte di atmosfera calda e umida (nell’oceano) viene interrotta. Gli uragani iniziano sempre sull’oceano, senza esclusioni. E le zone costiere sopportano il peso maggiore di questo impatto.

Avviso : se risiedi in un luogo soggetto a uragani, devi essere preparato e mettere i soldi in un generatore di uragani adatto per mantenere l’energia che scorre dopo la scia. Leggi la nostra recensione approfondita sulla scelta di un generatore di uragani. Di seguito troverai alcune versioni consigliate.

Fasi Degli Uragani –

La scala del vento dell’uragano Saffir-Simpson

Normalmente, quando vedi la stazione meteorologica discutere di una tempesta in arrivo o di una tempesta tropicale, citano la sua categoria. E ci sono sistemi o scale assortiti per misurare la categoria di una tempesta tropicale. La scala impiegata in Nord e Centro America è la Saffir-Simpson Hurricane Wind Scale, che ci parla del possibile impatto o della forza distruttiva di un uragano, in base principalmente alle sue velocità del vento in corso.

Una categoria di uragani con questa scala varia tra 5 e 1, dove 1 è il più debole e 5 il più potente. Tieni presente che il punteggio della categoria non ci dice tutto sulla forza distruttiva di un uragano, e una tempesta fa danni in modi maggiori rispetto alla forza della brezza in modo indipendente.Theres effetti ausiliari che utilizzano un uragano come mareggiate, inondazioni, interruzioni di corrente, danni alla strada / infrastrutture, pioggia, ecc., che causano gravi danni alla proprietà e alla vita.

Inoltre, non hai idea di quanto sia veramente grande un uragano (un uragano di categoria 2 di 300 km di larghezza è molto diverso da un uragano di categoria 2 di 400 km di larghezza) da questa particolare scala. E la disponibilità di cibo / acqua in una regione colpita dall’uragano determinerà anche l’effetto negativo che ha sull’area. La geografia costiera e l’angolo di impatto sono ancora un altro fattore decisivo nel determinare la forza dannosa degli uragani. Detto questo, diamo un’occhiata alla scala e al significato di ciascuna categoria-

Nota: per essere classificato come un uragano, un ciclone tropicale dovrebbe avere una velocità del vento sostenuta massima di un minuto di 119 km / ho 119 km / h. La scala Saffir-Simpson Hurricane Breeze non classifica le intensità delle tempeste tropicali e delle depressioni tropicali poiché hanno velocità del vento inferiori a quelle di un uragano. Infine, la SSHWS descrive solo gli uragani formati nell’Oceano Atlantico e nell’Oceano Pacifico settentrionale a est della linea del cambio internazionale.

Il Modo In Cui è Stata Inventata La Scala Saffir-Simpson

Tutto inizia alla fine degli anni ’60 con Herbert Saffir, un ingegnere civile. Conosceva bene l’ingegneria strutturale e la disposizione degli edifici, il che significava che sapeva esattamente come gli uragani hanno abbattuto quelle costruzioni. Ecco perché, nel 1969, era stato incaricato dalle Nazioni Unite di studiare alloggi a basso costo per luoghi spesso colpiti dagli uragani. Fu allora che capì che avevano bisogno di un mezzo unificato e sistematico per quantificare la forza distruttiva causata da quelle tempeste tropicali.

VIDEO | Riepilogo grafico 3D della scala degli uragani Saffier-Simpson

Quanto è potente un uragano: una panoramica della scala Saffir-Simpson

Ispirandosi alla scala Richter, che viene utilizzata per misurare l’intensità dei terremoti, Saffir ha creato una propria scala per gli uragani, che va da 1 a 5. Dipendeva dalla velocità del vento per misurare i potenziali danni agli edifici. Saffir ha sottoposto il suo studio al National Hurricane Center per un’ispezione. Al suo interno un meteorologo di nome Robert Simpson ha scelto di fare degli aggiornamenti. Era stato il direttore del NHS al momento, ha anche notato che gli uragani hanno causato danni anche a causa di inondazioni e mareggiate. Ha aggiunto gli effetti di mareggiate e inondazioni alla scala, portando alla sua forma finale che è stata presentata al pubblico nel 1973 come Saffir-Simpson Hurricane Scale .

Tuttavia, l’NHC in seguito ha capito che la scala Saffir-Simpson Hurricane non dipinge un quadro preciso di quanto inondazioni possiamo aspettarci da un uragano di categoria X. Ad esempio, sia l’uragano Katrina che l’uragano Ike hanno avuto picchi considerevolmente più grandi di quanto inizialmente chiamato dal Scala Saffir-Simpson. Inaspettatamente, l’uragano Charley ha prodotto un’ondata di tempesta molto più povera di quanto inizialmente previsto in base alla sua categoria. Nel 2009, l’NHC ha scelto di eliminare la pressione e le mareggiate dal modello, trasformandolo in una scala basata sul vento pura che ora è stata denominata
Saffir-Simpson Hurricane Wind Scale . Questo è ciò che abbiamo usato oggi.

Critiche Alla Scala Saffir-Simpson Hurricane Wind Scale (SSHWS)

La scala è stata inizialmente ideata negli anni ’70 e da allora è cambiato molto per quanto riguarda il modo in cui monitoriamo la formazione e l’impatto degli uragani. I nostri strumenti e metodologie sono progrediti in modo significativo e anche la scala Saffir-Simpson è stata spesso criticata per essere troppo semplicistica da scienziati come Kerry Emanuel e Lakshmi Kantha.

Uno dei principali punti di preoccupazione sollevati contro la SSHWS è il semplice fatto che non tiene conto della dimensione fisica di una tempesta. Gli uragani hanno un diametro di poche centinaia di chilometri, insieme al SSHWS si basa principalmente sulla velocità del vento per determinare la gravità di un uragano. La SSHWS inoltre non tiene conto della quantità di precipitazioni (pioggia, nevischio, neve, ecc.) Provocate da un uragano.

Un altro punto debole di SSHWS è che non è costante ed è semplicemente quantizzato in un numero molto limitato di categorie. Ad esempio, non quantifica tempeste tropicali o depressioni che hanno velocità del vento inferiori a quella di un uragano di categoria 1 (ma possono comunque causare interruzioni alla vita e alla terra). In definitiva, dopo incidenti come l’uragano Patricia, Irma, Dorian, Linda, Rick, ecc. I meteorologi hanno suggerito l’inclusione di una categoria 6 e persino di una categoria 7. L’SSHWS era originariamente destinato a misurare l’impatto degli uragani sulle strutture artificiali , quindi non ha categorie extra oltre 157 mph (invece raggruppando tutto dopo quel punto alla Categoria 5).

Lo stesso Robert Simpson, tra i co-fondatori della SSHWS, ha affermato che una volta che la velocità del vento supera i 155 mph, anche un paio di secondi di esposizione a tali forze causerà seri danni da rottura a qualsiasi edificio, per quanto ben progettato. Pertanto, non ha ritenuto necessario una designazione di categoria 6. Tuttavia, i miglioramenti architettonici e le nuove innovazioni nella tecnologia dei materiali significano che ora abbiamo la capacità di progettare edifici che possono sopportare tali velocità del vento. In effetti, le contee di Broward e Miami-Dade in Florida hanno codici di costruzione che lo rendono obbligatorio per gli edifici di infrastrutture critiche per resistere alle velocità del vento di categoria 5.

Possibili sostituzioni: L’indice di intensità degli uragani che tiene conto della sollecitazione dinamica generata dai venti di tempesta. Insieme all’Hurricane Hazard Index che tiene conto di molteplici aspetti come la velocità del vento al suolo, il raggio dei venti massimi di una tempesta, la velocità di traslazione, ecc.

Scale Alternative Per Tempeste Tropicali

Diverse agenzie meteorologiche in diverse parti del mondo hanno i propri modelli climatici e metodi per misurare l’intensità delle tempeste. L’SSHWS è utilizzato dal National Hurricane Center (NHC) e dal Central Pacific Hurricane Center (CPHC). È importante solo per le tempeste tropicali che hanno origine nell’Atlantico, nel Pacifico orientale e centrale.

Dal Pacifico nord-occidentale, queste tempeste tropicali sono chiamate tifoni. Giappone, Hong Kong, Cina, Taiwan, ecc. Hanno tutte le loro particolari agenzie meteorologiche dedicate al monitoraggio e alla classificazione dello sviluppo delle tempeste tropicali in queste aree.

Qualsiasi tempesta tropicale che si sviluppa nell’Oceano Indiano settentrionale viene monitorata dall’Indian Meteorological Department (IMD) e può essere semplicemente definita ciclone. La classificazione va da una depressione molto semplice (da 31 a 50 km / h), fino a una tempesta super ciclonica (velocità del vento di 221 km / he oltre).

I cicloni tropicali che si sviluppano dall’Oceano Indiano sud-occidentale sono monitorati dal centro ciclone tropicale di Meteo Frances La Reunion (MFR). Qui la scala va da una perturbazione tropicale fino a un ciclone tropicale molto intenso.

I cicloni tropicali nell’emisfero meridionale in Australia e Fiji sono stati monitorati da più centri di allarme ciclone insieme a organizzazioni meteorologiche. Questi sono gestiti dal Fiji Meteorological Service, New Zealand MetService, Indonesia Badan Meteorologi, ecc. Anche i cicloni tropicali australiani sono quantificati su una scala di categoria che va da 1 a 5 in base alla velocità del vento sostenuta. Tuttavia, questi intervalli di velocità del vento sostenuti variano da quello del SSHWS e sono quantificati su un arco di 10 minuti invece di 1 minuto. I sistemi di tempeste non abbastanza forti da essere classificati come cicloni tropicali sono chiamati ritmi tropicali o fogliame tropicale.

La Formazione Di Un Uragano | Processo In Quattro Fasi

Gli uragani sono forze della natura estremamente potenti e possono causare enormi quantità di danni alla vita e alle proprietà. Queste creature appaiono su una base quasi annuale in aree specifiche del pianeta e sono eventi che lasciano il segno nelle pagine della storia per sempre. Un uragano completamente formato può estendersi per centinaia di chilometri intorno, essere alto quasi 10 miglia, con velocità del vento che raggiungono quasi 200 mph. E quando una nuvola di temporali, pioggia, neve e vento che vortica a 200 miglia orarie, larga 600 miglia e alta 50 milioni di piedi, non è abbastanza impressionante per te, che ne dici di questo: un uragano rilascia 50 terawatt di energia termica in un dato momento. Questo è l’equivalente del consumo totale di energia elettrica del totale degli Stati Uniti.

Annualmente. Sì, è proprio quanta energia un uragano rilascia ogni minuto. È come se facessi esplodere una bomba atomica da 10 megatoni ogni 20 minuti. In prospettiva, la bomba sganciata su Hiroshima ha avuto una resa di 15 kilotoni. Dovresti far esplodere 20.000 piccoli ragazzi ogni 20 minuti per eguagliare la potenza di un uragano. Ricordi quando Donald Trump ha proposto di bombardare gli uragani in un incontro con i funzionari della sicurezza nazionale? Sì, non penso che funzionerebbe abbastanza bene (se davvero avesse fatto una proposta del genere). Finiremmo solo con lo stesso identico uragano, solo che questa volta sarebbe più radioattivo.

Quindi, come si crea una tempesta così enorme? Bene, è un processo di accumulo lento per molto tempo. Gli uragani sono tempeste tropicali che si formano vicino all’equatore, acqua più calda che ha una temperatura di 27 ° C. Pensa a un uragano come a un gigantesco motore di distruzione autoalimentato che attraversa centinaia di miglia. Il motore richiede due elementi per continuare a muoversi:

  • Umidità
  • Calore

Un uragano è una tempesta tropicale, il che significa che accade tra il Tropico del Cancro nell’emisfero settentrionale e il Tropico del Capricorno nell’emisfero meridionale. Non sorge esattamente sull’equatore, ma un paio di gradi nord / sud. La fascia tropicale è la sezione di questa Terra che riceve il massimo calore dal sole, a causa di come è angolata (questo porta a un sole più diretto).

Le regioni tropicali hanno acque oceaniche più calde, e questo è esattamente ciò che è necessario per un uragano. Una temperatura dell’acqua di 27 ° C o più, per una profondità di almeno 50 metri dalla superficie dell’oceano. Il seguente ingrediente di cui hai bisogno è l’umidità, derivata dal vento che soffia sugli oceani. In caso di uragani che sono tempeste tropicali che si formano nell’Atlantico, è necessario che il vento soffi verso ovest dall’Africa nell’Atlantico.

Quando questo vento passa sulle acque calde dell’oceano, fa evaporare l’acqua. Questi vapori di acqua calda crescono quindi in una corrente ascensionale di aria calda e mentre continuano a salire nei cieli, i livelli di temperatura iniziano a diminuire (l’atmosfera diventa più fredda man mano che si sale). E se la temperatura scende a sufficienza, questi vapori d’acqua si condensano nuovamente in goccioline d’acqua, formando nuvole, chiamate cumulonembi, una sorta di densa nube verticale torreggiante modellata su forti inquinanti atmosferici verso l’alto nelle zone a basso stress. Queste nuvole alla fine si trasformano in temporali. E poiché siamo seduti direttamente sopra una zona di bassa pressione, l’aria più fredda ad alta pressione nelle aree circostanti tenterà di entrare.

Nota: L’ aria cerca costantemente di passare da uno stato di alta pressione a uno di bassa pressione, proprio come l’acqua desidera sempre fluire a valle e il calore si trasferisce sempre dai corpi più caldi a quelli più freddi. Il sistema cerca di essere in uno stato di equilibrio e pressione equalizzata, questa è tra le forze fondamentali dietro la velocità del vento di un uragano.

Ma l’aria in arrivo non viaggia in linea retta. Poiché la Terra è un corpo in rotazione, l’aria che entra dal nord dell’equatore finisce a sinistra di questa zona di formazione / pressione ridotta. L’aria che entra da sotto l’equatore finisce a destra. Questo è noto come effetto Coriolis, e accade perché un oggetto sull’equatore sta fondamentalmente viaggiando a una velocità più rapida di uno stadio più vicino a entrambi i poli. Questo perché la circonferenza della Terra al suo equatore è più grande rispetto alla circonferenza nei luoghi subtropicali. Lo stesso di una giostra, dove i cavalli sull’anello più esterno viaggiano più velocemente dei cavalli all’interno.

Fatto: quando la Terra non ruotava, nemmeno gli uragani lo facevano. L’effetto Coriolis è il motivo per cui gli uragani ruotano, ed è anche il motivo per cui gli uragani non si formano mai accanto all’equatore o vicino ad esso. Non c’è spazio sufficiente nella virata a basse latitudini per generare una spirale di temporali che alla fine formerà un uragano.

Ora, l’aria che entra dal quadrante settentrionale è a sinistra del centro e viene risucchiata nella zona di bassa pressione. L’aria in entrata dall’emisfero sud è al centro ed è stata aspirata allo stesso modo. Questo crea un effetto a spirale con le nuvole che ruotano attorno a un occhio centrale con un movimento in senso antiorario. Tieni presente che questo è solo per gli uragani nell’emisfero settentrionale. Nell’emisfero meridionale, gli uragani ruotano in senso orario. E più vicino all’occhio si riceve, maggiore è la velocità del vento, a causa del momento angolare, proprio come un pattinatore di figura gira più velocemente dopo aver tirato le braccia.

I meteorologi hanno livellato la creazione di un uragano in 4 fasi distinte:

1. Disturbo tropicale:

Questa è la prima fase di un uragano quando sta ancora accumulando condensa e raccogliendo giganteschi strati di nuvole in aggiunta l’uno all’altro. L’acqua di mare calda si trasforma in vapore acqueo quando i venti alla moda da una zona ad alta pressione fuoriescono a ritmo costante. Questo vapore acqueo aumenta e infine si condensa per formare nuvole. Il calore rilasciato dal vapore acqueo per condensazione riscalda l’aria circostante e la fa salire ulteriormente, trascinandola in un altro pilastro di nuvole. Una maggiore evaporazione si verifica nella superficie del mare e si verifica più condensa, con il risultato di una colonna di nuvole in continua crescita che diventa sempre più alta e più grande. Il vento caldo sale e circola intorno al centro creando un ammasso di nuvole temporalesche noto come disturbo tropicale.

2. Depressione tropicale:

Poiché il pacco di nuvole di disturbo tropicale continua a diventare più alto, l’aria all’estremità superiore estrema inizia a diventare instabile. Ciò accade quando l’atmosfera in cima alla colonna inizia a raffreddarsi troppo rapidamente dopo aver raggiunto una determinata altezza. Il vapore acqueo si condensa in goccioline d’acqua, rimuovendo il calore per raffreddarsi perché il vapore si raffredda in goccioline. Questo calore ora lascia la superficie della perturbazione tropicale più calda, aumentando la pressione dell’aria e facendo fluire i venti verso l’esterno dal centro, spingendo via le nuvole.

L’aria ad alta pressione sulla parte superiore ora torna indietro verso il mare e si è pompata insieme all’aria di evaporazione a pressione minima che sta salendo nel mezzo. Questo genera un ciclo di condensazione ed evaporazione, creando velocità del vento e ammassi di nuvole sempre più grandi. Quando la velocità del vento raggiunge i 25-38 mph, si parla di depressione tropicale.

3. Tempesta tropicale:

Questo è essenzialmente un periodo più avanzato di una depressione tropicale con velocità del vento più elevate. Una volta che la velocità del vento supera i 39 mph, è formalmente una tempesta tropicale. La tempesta riceve un titolo e tu hai quello che sembra un uragano in miniatura con venti che turbinano nuvole temporalesche attorno a un occhio fondamentale come la costruzione.

4. Uragano:

Quando la tempesta tropicale ha una velocità del vento superiore a 74 mph, raggiunge lo stato di un uragano. Un uragano è alto almeno 50,0 m e ha un diametro di 125 miglia. Ad esempio, gli aerei di linea commerciali volano a un’altitudine compresa tra 35000 e 420,0 m. Gli alisei che soffiano da est a ovest spingono queste tempeste tropicali verso i Caraibi, il Golfo del Messico e la costa sud-orientale dell’america. La bassa pressione dell’aria insieme alle gigantesche pareti di vento fa sì che sacche di acqua oceanica si accumulino intorno al centro di questa tempesta, provocando enormi maremoti o mareggiate quando l’uragano approda.

Gli uragani smettono di guadagnare potenza e dimensioni al momento dell’approdo, perché non vengono più alimentati dall’umidità e dal calore del mare. Tuttavia, i temporali rimangono e ci vuole del tempo prima che i venti si spengano fuori. Grandi quantità di pioggia possono continuare per giorni dopo che l’uragano è atterrato, provocando inondazioni. Gli uragani più grandi potrebbero essere larghi fino a 1000 miglia e far cadere diversi trilioni di litri di acqua piovana.

Cos’è Una Depressione Tropicale?

L’ho spiegato prima, una depressione tropicale è una fase meno avanzata della tempesta con velocità del vento molto più basse (fino a 38 mph max). È causato da una regione di bassa pressione sopra l’oceano che fa evaporare l’acqua e formare nuvole temporalesche. Queste nuvole temporalesche continuano a fondersi e ad espandersi per 24 ore. Dopodiché si forma un orologio al centro e un ciclo di condensazione + evaporazione continua ad alimentare il motore con conseguenti livelli più elevati di nuvole e velocità del vento più elevate. Se questo viene mantenuto per un altro giorno o giù di lì, la depressione tropicale potrebbe trasformarsi in una tempesta tropicale, che potrebbe poi finire come un uragano una volta che la sua velocità del vento supera i 74 mph.

Quanto Dura Un Uragano?

L’uragano più duraturo nell’Atlantico è stato San Ciriaco nel 1899 che si è protratto per un totale di 28 giorni. Il ciclone tropicale più popoloso è stato il tifone John nel 1994, che è durato ben 31 giorni. Dall’altro lato, ci sono eventi come l’uragano Charley nel 2004, durato solo 8 ore, ma è stato anche uno degli uragani più devastanti ultimamente, con 15 vittime e indotto miliardi di danni. Con la velocità del vento che raggiungeva i 150 mph, Charley era un uragano di categoria 4.

La durata di un uragano dipende da un gran numero di fattori: velocità e direzione del vento, temperatura dell’acqua, lunghezza dell’uragano, ecc. Tutti gli uragani eliminano il vapore non appena raggiungono la terra, ma non prima di aver causato una tonnellata di caos e distruzione. Pochissimi uragani arrivano alla categoria 5 e la maggior parte dura solo un paio di giorni.

Perché Gli Uragani Possono Governare?

Gli uragani cambiano spesso rotta ed eseguono svolte sul loro percorso. Meteorologi e satelliti meteorologici sono costantemente all’erta per determinare se un uragano peggiora. Oltre al movimento rotatorio dei venti di tempesta stessi, ci sono venti di scala ancora più grande chiamati flussi di governo. Tutti questi sono fondamentalmente venti globali. Questi flussi ecologici o flussi sterzanti sono proprio come un fiume e l’uragano è il piccolo vortice che fai con una pagaia da kayak. Il vortice ha una propria durata e rotazione, ma va alla deriva lungo la gestione generale del flusso del fiume.

Il flusso ecologico varia in velocità e direzione in base all’altitudine ed è deciso dallo scambio termico tra la superficie terrestre e la sua atmosfera su scala globale. Normalmente gli uragani sono creati dagli alisei orientali che scorrono verso ovest che innescano la creazione di nuvole temporalesche in zone di pressione ridotta sulle acque marine tropicali. Queste tempeste poi si spostano verso ovest nella costa nord-orientale dell’America e dell’America centrale. Ma le tempeste di governo cambiano spesso direzione mentre la tempesta passa da latitudini inferiori a latitudini più alte, inducendo una tempesta verso ovest a virare bruscamente verso est.

Come Può Morire Un Uragano?

Ho accennato in precedenza che gli uragani sono stati motori di distruzione perpetui che possono andare avanti indefinitamente se forniti di un flusso continuo di gas (umidità e calore). Quindi pensa a ciò che uccide un uragano, tagliandone la fonte di carburante, proprio come uccidere un motore di un’auto. Una tempesta può bloccarsi o indebolirsi se entra in acque più fredde o fa approdo.

Se una tempesta va verso nord in acque più fresche (lontano dalla zona tropicale e anche verso i poli), rallenta il tasso di evaporazione e ne arresta l’espansione impedendo la formazione di nuove nubi. Se fa approdo, l’intera fonte d’acqua viene interrotta, quindi scade.

Uno dei motivi principali alla base della dispersione di energia degli uragani sarebbe l’attrito. Quando sono fuori in mare, c’è un leggero attrito tra il vento e la superficie dell’oceano che porta a velocità dell’aria più elevate. L’effetto Coriolis innescato dalla rotazione terrestre assicura che i venti bronchiali non riempiano mai il centro cavo di bassa pressione noto come occhio. Piuttosto che riempire la zona di pressione ridotta, l’atmosfera si limita a deviare intorno ad essa e fa turbinare più nuvole sollevando la dimensione degli uragani.

Dopo l’atterraggio, la velocità diminuisce, il che significa che il vento si muoverà lentamente a spirale verso l’interno, collassando al centro. La zona di pressione estremamente bassa al centro inizia ora a riempirsi e questo fa diminuire il gradiente di pressione. Ora passiamo da un ciclo di feedback positivo a un semplice ciclo di feedback e alla fine tutta l’energia viene dissipata portando alla morte degli uragani. Questo è anche il motivo per cui gli uragani non perdono energia o rallentano dopo aver colpito le isole, semplicemente non c’è abbastanza superficie terrestre per generare attrito degno di bloccare il nucleo.

Il Più Grande Uragano Di Sempre

Ci sono diversi parametri con cui possiamo decidere la forza e gli effetti dannosi di un uragano dopo che è atterrato. Velocità del vento, luogo coperto, precipitazioni, durata della vita, ecc. In base alla metrica utilizzata, il nome dei cambiamenti più grandi e peggiori. Se andiamo solo per la pressione barometrica, l’uragano Wilma del 2005 prende il primo posto, raggiungendo un’intensità di 882 mbar (millibar, 1 millibar equivale a 100 pascal).

Tuttavia, se si stesse discutendo della velocità del vento, l’uragano Allen è il re delle tempeste atlantiche con velocità del vento di picco sostenute di 190 mph (le auto di Formula 1 e le stock car in NASCAR oscillano intorno ai 200 mph). Ad esempio, la velocità del vento vicino a 100 mph può danneggiare gravemente le case, strappare alberi dal pavimento e lanciare i pali della corrente come se fossero stuzzicadenti.

Fatto interessante: per i record globali, c’è l’uragano Patricia con velocità del vento che arriva a 215 mph, il che lo rende il più potente ciclone tropicale mai registrato sul pianeta Terra.

Il più grande ciclone tropicale mai registrato è il Typhoon Tip con un diametro di 1.380 chilometri o 2.220 chilometri. Per darti un’idea di quanto sia stato grande esattamente questo mostro, durante la sua vetta, Typhoon Tip ha rivestito la metà delle dimensioni degli Stati Uniti contigui. Neanche in termini di velocità del vento, con velocità del vento sostenute di picco di 10 minuti di 160 mph (questa è la categoria 5). Con una pressione barometrica di 870 mbar, il suggerimento del tifone è anche tra gli uragani più estremi ogni giorno da elencare.

Nota: se vuoi che l’uragano più significativo mai formato nel bacino atlantico, sarà Sandy in un gigantesco diametro di 1000 chilometri.

Se vuoi capire quale uragano atlantico è stato il più mortale nella storia registrata, allora è Il grande uragano del 1780. Conosciuto anche come la tragedia del 1780, ha affermato ovunque tra 22000 e 27501 vite. La tempesta devastante mai affrontata dagli Stati Uniti è stata il Great Galveston Hurricane, noto anche come la Grande Tempesta del 1900. È il disastro naturale più mortale nella storia degli Stati Uniti, con conteggi di vittime che vanno da 6000 fino a 12.000. La maggior parte delle morti si è verificata a Galveston, in Texas, in cui questo enorme uragano è atterrato.

Uragano Vs Tifone Vs Ciclone

Tutti i precedenti sono solo nomi diversi per i cicloni tropicali. Dall’Atlantico e dal Pacifico nord-orientale questi cicloni / tempeste tropicali sono chiamati uragani. Dall’Oceano Indiano vengono chiamati semplicemente cicloni. Dal Pacifico nord-occidentale le tempeste tropicali sono chiamate tifoni. La maggior parte dei cicloni tropicali finisce per svanire solo come una depressione tropicale, senza mai arrivare allo stato di tifone o uragano. Un uragano può diventare un tifone e viceversa se si dirige in una sezione diversa dell’Oceano Pacifico. Cerca solo l’uragano John (o vedrò il tifone John?).

E i tornado?

I tornado sono in realtà molto diversi dai cicloni, sia nel modo in cui si sono formati che nella disposizione della tempesta. Per cominciare, cicloni / uragani / tifoni tropicali si formano solo sugli oceani. Tuttavia, i tornado possono formarsi intorno al mare, alla terra o in qualsiasi luogo intermedio. I tornado sono fondamentalmente stretti vortici d’aria che sono conseguenza dei temporali, insieme a velocità che vanno da 100 a 300 miglia orarie. I tornado sono caratterizzati da velocità molto più elevate rispetto ai cicloni, ma in un’area molto più piccola con una larghezza tipica di un miglio o 2. I tornado sono eventi di vicinato in contrasto con i cicloni e anche di vita piuttosto breve. Sono una conseguenza del tempo, non la forza motrice dietro di esso (a differenza dei cicloni che cambiano il tempo in cui viaggiano, coprendo diverse centinaia di miglia di diametro).I tornado possono anche formarsi come uno svantaggio quando gli uragani / tifoni fanno approdo.

Stagione Degli Uragani | Quando Inizia E Finisce?

In generale, la stagione degli uragani inizia il 1 ° giugno dopo il picco di riscaldamento degli oceani durante l’estate. E dura fino alla fine del collasso a novembre. Tieni presente che questa è la stagione degli uragani dell’Atlantico e il periodo degli uragani può variare a seconda della parte del pianeta in cui risiedi. Il ciclone tropicale o l’attività degli uragani raggiunge il picco a fine estate, quando la differenza tra la temperatura dell’aria e la temperatura della superficie del mare è maggiore.

Alcuni anni che la stagione degli uragani può iniziare un paio di mesi prima, sulla base dei vari fenomeni geologici che influiscono sullo scambio termico tra l’atmosfera e l’oceano. Normalmente, ci sono 10.1 tempeste nominate per stagione, con circa 5.9 che diventano uragani e 2.5 che diventano uragani maggiori (Categoria 5 o superiore).

La stagione degli uragani giunge al termine quando ci avviciniamo all’inverno e le temperature dell’oceano si abbassano, quindi non c’è calore per alimentare il motore dell’uragano. Semplicemente non c’è abbastanza differenziale di pressione per la formazione dei venti.

Ma tieni presente che la natura tende sempre a infrangere le sue stesse regole e non puoi sapere se potresti trovare un uragano a gennaio o dicembre, ben dopo la fine del periodo ufficiale. Tieniti sempre aggiornato con tutti i bollettini meteorologici e prendi le precauzioni necessarie in anticipo in modo che tu ei tuoi cari non fatevi colti di sorpresa.

Prepararsi Per Un Uragano | Suggerimenti Per La Sicurezza

  • Se vivi in una zona soggetta a uragani, annota tutti i percorsi di evacuazione. Tieni gli occhi e le orecchie sulla radio / TV per le notizie del vicinato sui cambiamenti meteorologici.
  • Se un orologio da uragano è stato emesso per la tua parte di questa costa, indica la possibilità che un uragano entri in contatto entro 36 ore. Questo dovrebbe essere il segno per avviare misure preventive e qualsiasi piano di gestione della catastrofe che hai assegnato alla famiglia. Se ti trovi su un’isola barriera, assicurati una nave e lascia immediatamente la regione.
  • Quando viene emesso un avviso di uragano , significa che è possibile prevedere velocità del vento sostenute di almeno 74 mph in 24 ore. Una volta emesso questo avviso, dovresti essere in procinto di riporre materiali di consumo e cose significative nel luogo più sicuro possibile, insieme alla tua famiglia.

Cose da fare prima di un uragano:

  • Prepara un piano per le catastrofi (dove alloggerai, quali percorsi puoi scegliere, quali alimenti fare scorta, ecc.)
  • Assicurati di contattare il veterinario se hai animali domestici in casa e assicurati che anche i tuoi animali domestici siano pronti per una crisi.
  • Sbarra le finestre per evitare che vengano sfondate.
  • Quando hai degli oggetti esterni che potrebbero essere spazzati via, portali dentro.
  • Prepara un kit di scorta per la casa e l’auto. Avere abbastanza cibo e acqua per almeno 3 giorni, assicurarsi di fare scorta di cibo in scatola e un apriscatole. Avrai anche bisogno di un kit di pronto soccorso, indumenti protettivi, torce elettriche, batterie e una radio meteorologica NOAA per sintonizzarti sugli avvisi di tempesta.
  • Tieni un po ‘di contanti a portata di mano poiché banche e bancomat saranno fuori servizio una volta che l’uragano avrà colpito.
  • Assicurati che la tua auto abbia un pieno di benzina

Cose da fare durante un uragano:

  • Stai lontano dalle regioni basse poiché sono soggette a inondazioni.
  • Non cercare di diventare un avventuriero durante l’uragano, barricati dentro nel posto più sicuro possibile.
  • Se sei in una casa mobile, evacua immediatamente e individua il rifugio più vicino (potrebbe anche essere una casa di parenti / amici).
  • Se gli avvisi di emergenza ti consentono di evacuare, fallo rapidamente

Cose da fare dopo un uragano:

  • Resta dentro finché fuori non è sicuro.
  • Verifica la presenza di persone e animali feriti, ma non metterti in pericolo (nessuno ha bisogno di un soccorritore ferito)
  • Attenzione alle inondazioni improvvise post-uragano.
  • Non cercare di spingere un’automobile in 0,6 m d’acqua.
  • Stare lontano da pozze d’acqua stagnante, potrebbero essere caricate elettricamente da linee elettriche abbattute o cavi sotterranei.
  • Attenersi all’acqua in bottiglia e bere solo l’acqua del rubinetto una volta che i funzionari dichiarano che è sicuro farlo.